VILLA REALE

Una delle ville reali più belle d’Europa, al pari passo di Versailles, con la quale gareggia in bellezza: stiamo parlando della Villa Reale di Monza, un palazzo in stile neoclassico realizzato a Monza dagli Asburgo, quale residenza privata, durante la dominazione austriaca del XVIII secolo.

Archivio

video

Tavole tecniche

Archivio fotografico

Prima e dopo

LA VILLA

Realizzata dagli Asburgo nel XVIII secolo, durante la dominazione austriaca, è divenuta palazzo reale con Napoleone e residenza estiva con i Savoia, la Villa Reale inizia la sua storia nel 1771, con l’arrivo a Milano del governatore Ferdinando d’Asburgo, figlio dell’imperatrice Maria Teresa d’Austria, il quale si ripromise di organizzare una vera e propria corte che avrebbe gravitato intorno al capoluogo lombardo trasformandolo definitivamente in capitale. L’incarico della costruzione della Villa Reale di Monza, venne affidato all’architetto imperiale Giuseppe Piermarini nel 1777 e fu portato a termine in soli tre anni. Esempio dell’architettura neoclassica, l’edificio presenta una struttura corporea a tre corpi principali disposti ad U che delimitano la corte d’onore, chiusa da due edifici cubici da cui si diramano le ali dei fabbricati di servizio.

_MG_9056.JPG

ZONE D'INTERVENTO

  • VANO CS20 (Parete Nord e Sud). Restauro dei dipinti ad olio su tela raffiguranti dei putti in cattivo stato di conservazione. Parete Nord: Putti con libro e globo ; Parete Sud: Putti con canarini e cani.

  • VANO CS23(Parete Nord e Sud). Dipinti ad olio su tela raffiguranti scene allegoriche con putti in cattivo stato di conservazione. Parete Nord: Putti con pesci ; Parete Sud: Putti con strumenti musicali.

  • VANO CS27(Parete Nord e Sud). Dipinti ad olio su tela raffiguranti scene allegoriche con putti in cattivo stato di conservazione. Parete Nord: Putto con saette (Giove) su telaio ligneo fisso ; Parete Sud: Putto con frecce (Cupido) privo di telaio, inchiodata direttamente sulla parete.

  • VANO CS3(Parete EsteOvest). Dipinti ad olio su tela raffiguranti due vedute con rovine in discreto cattivo stato di conservazione. Tele con tessitura ortogonale, probabilmente di lino o misto lino e canapa.

  • VANO CS9. Dipinto ad olio su tela steso con pennellate corpose nella parte centrale e con pennellate più sottili e distese nelle parti perimetrali. Soggetto: “Il Giudizio di Re Salomone” .

  • VANO CS17. Dipinto ad olio su tela steso in pennellate sottili e distese. Soggetto: scena mitologica “Bacco e Arianna” .

INTERVENTO

TELA SU VOLTA SALA CS09

- Smontaggio telaio.

- Realizzazione di un nuovo telaio che riprende esattamente la forma dell’originale. Il materiale scelto è il multistrato per evitare il più possibile imbarcamenti e svergolamenti sulle tratte lunghe.

- Dovendo sostenere una tela grande e dovendo stare appeso, è stato necessario fissare le parti con piastre e tensionatori al fine di garantire al telaio sostegno e solidità, ma anche minimi movimenti ed elasticità nel tempo.

- L’intera struttura è stata poi ulteriormente tensionata mediante l’uso di tiranti e cavi scorrevoli, passanti per appositi aneli fissati al telaio. Questo ha consentito una tensione ottimale anche sulla tela.

- La tela prima di qualsiasi fase e della sua movimentazione era stata velinata al fine di proteggere la pellicola pittorica. Le veline sono state rimosse inumidendo la superficie con acqua tiepida, questa fase ha consentito una prima pulitura sfruttando la componente detergente presente nella colletta utilizzata per la velinatura.

- Pulitura a solvente della superficie pittorica per solubilizzare la vernice alterata in maniera completa, evitando un’azione meccanica prolungata del tampone, sconsigliabile a causa dei sollevamenti  presenti su tutto il dipinto. 

- Consolidamento della superficie pittorica mediante stesura di colletta e conseguente stiratura per consentire la riattivazione e la riadesione tra gli strati profondi.

- Applicazione delle fasce perimetrali realizzate con  tela in poliestere e adesivo.

- Stuccature delle lacune.

- Campionatura del ritocco ha previsto una primo passaggio ad acquerello e successivo utilizzo di colori a vernice.

- Verniciatura finale con una miscela di vernice lucida e opaca per garantire una protezione duratura al dipinto.

- Dopo aver riposto il dipinto nella sua sede originale mediante lunghi perni passanti, questi ultimi sono stati legati tra di loro per garantirne maggiore sicurezza ad aumentare ulteriormente la tensione, per contrastare la forza del peso che gravita sulla tela.

_MG_1328.JPG
IMG_1515.JPG

LAVORAZIONI

TELE

- Riprese in luce ultravioletta ed infrarosso di una porzione delle pareti  e sulle tele.

- Rimozione dei quadri sovrapporta e smontaggio delle tele dal telaio.

- Accurata spolveratura a secco sul fronte e sul retro mediante pennelli a setola morbida ha permesso l’eliminazione dei depositi di polveri e agenti deteriogeni superficiali. Sono state inoltre rimosse le grandi pezze che mantenevano uniti i lembi di due lacerazioni presenti sulla CS20 Nord, al fine di risarcirli in modo più contenuto incollando i lembi con Poliammide.

- Pulitura dei depositi dopo aver effettuato un test per verificare che la tela sopportasse il mezzo acquoso con un tampone.

- Trattamento biocida.

- Stesura del consolidante.

- Esecuzione del sottovuoto per abbassare il cretto e consolidare gli strati pittorici.

- Adesione lungo i bordi di fasce perimetrali di tela Ispra.

- Stuccature delle lacune sono state eseguite con lo stucco.

- Campionatura del ritocco ha previsto una primo passaggio ad acquerello.

- Ritocco finale con colori a vernice disciolti in vernice finale.

- Verniciatura finale strato protettivo.

ARCHIVIO FOTOGRAFICO
DURANTE I LAVORI

 
 

GALLERIA VIDEO

Video documentazione delle operazioni di restauro compiute all'interno del cantiere di Villa Reale. Con questo breve filmato abbiamo piacere di condividere le gioie del lavoro in questo splendido paradiso architettonico.

DOCUMENTI TECNICI

 

PRIMA - DOPO