TORRE DORIA

La Torre Doria, detta anche Torre di Scopello, è un'antica torre in pietra che faceva parte di un sistema di vedette e torri difensive costruite lungo la costa di quello che era il Regno di Sicilia, per proteggerlo dagli attacchi dei pirati. Una testimonianza che ancora oggi veglia sulla baia e affascina con la sua maestosità.

Tavole Tecniche

Archivio

fotografico

Storia

Prima e dopo

torre1.jpg

STORIA

La Torre Doria si trova isolata in posizione elevata a poca distanza dal complesso monumentale di San fruttuoso. Dedicata ad Andrea Doria, fu eretta nell’agosto del 1562 lungo la strada che collega l’abbazia al borgo dei pescatori in una ripida scalinata. Fu costruita a rispetto della clausola di giuspatronato concesso da papa Giulio III ad Andrea Doria nel 1551 per difendere il borgo e la sua provvidenziale sorgente di acqua, utilizzata dai monaci, dalle eventuali incursioni dei corsari barbareschi. Sulle due facciate è presente lo stemma dei Doria, l’aquila imperiale, mentre altre decorazioni sono visibili sulle cornici e sulle mensole. La sua particolare struttura architettonica di tipo “militare” raggiunge un’altezza di circa 22 metri fuori terra, per una quota complessiva sul livello del mare di 43,42 metri. 

 

LAVORAZIONI

Un’accurata campagna diagnostica si è resa indispensabile per conoscere a fondo materiali, modalità esecutive e caratteristiche dell’edificio, in modo da poter calibrare l’intervento di restauro, che si è svolto cercando di mantenere quanto più possibile le scarse testimonianze delle finiture originali recuperandole attraverso la rimozione dei depositi di varia natura e a ricucire le porzioni di intonaco ancora in buono stato con quelle dove si rendeva necessario il risarcimento del paramento. Si è cercato poi di dare maggior leggibilità alle decorazioni presenti, in particolare agli stemmi e alla fascia sommitale dove i mascheroni e i trionfi risultavano fortemente sbiaditi.

Possiamo riassumere le operazioni svolte in:

  • ​Trattamento biocida

  • Pulitura con acqua e spazzole

  • Pulitura con impacchi e detergente neutro

  • Integrazione delle lacune e delle fessurazioni con malte compatibili

  • Equilibratura cromatica delle superfici monocrome e ritocco pittorico puntuale delle parti affrescate

  • Trattamento protettivo

_DSC9232.jpg
 

ARCHIVIO FOTOGRAFICO
PRE-INTERVENTO

DOCUMENTI TECNICI

 

PRIMA - DOPO